Critica della ginnastica e della medicina (parte I)

Accanto alla musica, Platone si accinge ora a costruire l’altra metà della paideia, la ginnastica. Il suo interesse più vero va naturalmente alla musica, ma l’educazione dei guerrieri anche l’idoneità fisica è di somma importanza, e a questo scopo deve essere usata la ginnastica, fin dalla prima età. Si chiarisce ora, che la precedenza data nella trattazione alla cultura musicale non si spiega solo, come in principio Platone aveva fatto apparire, col fatto che essa sia da iniziarsi prima nel tempo. Essa è anche anteriore alla ginnastica, giacchè un corpo ben disposto non può con la sua sola efficienza rendere buona e ben disposta l’anima, mentre, all’inverso, un’anima pregevole può giovare al perfezionamento del corpo. Su questo concetto si basa l’economia strutturale del sistema platonico, esigendo che prima si formino gli uomini dal lato spirituale e poi si lasci a loro la cura del corpo in tutte le sue particolarità.

Werner Jager, Paideia p.1083

Copyright 2018 Emanuele Laconi, P.IVA 03756590240, Policy Privacy
Powered by Gravity Media